domenica 31 luglio 2016

Pain perdu integrale con le fragole


Pane, latte, uova, zucchero, spezie e frutta.
Un modo goloso per recuperare il pane raffermo e coccolarsi con una ricca prima colazione.


La prima volta l'ho provato qualche giorno fa. 
Erano le 18,30. Non so perché mi è venuta la voglia irrefrenabile di provare un piatto da prima colazione/ brunch a quell'ora.
Fatto sta che l'ho preparato e l'ho mangiato pure. Confesso che poi non ho cenato. 
Quando è troppo è troppo!!
A prepararlo ci vuole pochissimo.
Si immergono le fette di pane raffermo (io integrale con semi di zucca) in latte e uova (per 5 fette ho usato un uovo e 100 ml di latte), nel frattempo vi preparate il caffè, tagliate la frutta, mescolate lo zucchero alle spezie.
Quando le fette avranno assorbito tutto il latte (ogni tanto giratele e schiacciatele un po'), scaldate una noce di burro (poco poco mi raccomando) in padella e poi cuocete le fette per circa 4' girandole una volta, a fuoco non troppo alto.
Passatele nello zucchero (io di canna con cannella e cardamomo schiacciato).
Gustatele ancora calde con frutta fresca e il vostro caffè preferito (io lungo, lunghissimo).






venerdì 29 luglio 2016

"lasagnette" di zucchine con speck

Le zucchine abbondano nel mio frigo in questo periodo e dopo averle spaghettizzate, marinate e ridotte in crema, oggi le ho stratificate con speck e formaggio.
Come sempre una ricetta facilisima e velocissima!



Per due persone:
due grosse zucchine verdi
100 g di provola affumicata
3 fettine di speck tagliato sottile
un cucchiaio d'olio e.v.o.
sale

Lavate, spuntate e affettate le zucchine sottili per la lunghezza con
una mandolina.
Salatele e lasciatele spurgare mezz'ora circa, poi asciugatele bene.
grattugiate il formaggio con una grattugia a fori grossi.
Tagliate ogni fettina di speck in tre parti.
ungete leggermente il fondo e le pareti di due cocottine in ceramica o in pirex (comunque che possano andare al forno).
Disponete gli ingredienti a strati: zucchine, speck, formaggio... e completate con il formaggio.
Non aggiungete sale perche le zucchine sono già salate e speck e formaggio chiaramente non ne hanno bisogno.
Infornate per 15' a 200°
Il risultato? le zucchine ancora leggermente croccanti e il formaggio, insieme al liquido rilasciato dalle zucchine crea una cremina deliziosa che lega il tutto.
Chiaramente potete anche preparare una teglia grande per tutti e poi porzionarla come per un timballo di lasagne.
Provate con quello che avete in frigo e fatemi sapere come sono venute le vostre versioni. Le aggiungerò a fine ricetta!

mercoledì 27 luglio 2016

insalata di roveja con capperi, pomodorini e cetriolo

Come il sorgo e il riso Apollo, anche la roveja è stata una scoperta dell'ultimo anno, sempre grazie a Negozio Leggero.
La roveja (che loro chiamano fagiolo) è uno dei legumi più antichi, Un pisello selvatico originario del Medio Oriente, riscoperto qualche decennio fa in centro Italia, dove la coltivazione era stata abbandonata nel dopoguerra perchè particolarmente faticosa e dal 2006 presidio Slow Food.
E' buonissima e vi consiglio di provarla. 
I legumi sono molto importanti per la nostra alimentazione e avere la possibilità di variare è una grande cosa. 
Così come gli altri legumi si presta ad una varietà infinite di preparazioni. Oggi ve la propongo ad insalata!


Per una porzione abbondante:
100 g di roveja secca
1 piccolo cetriolo
10 pomodorini
un cucchiaio di capperi sotto aceto
un mazzetto di basilico
2 cucchiai di olio
il succo di mezzo limone
sale
un pezzetto di pepe lungo del Bengala (o altro pepe a vostra scelta)

Lasciate in ammollo la roveja per 12 ore poi scolatela e sciacquatela bene.
Cuocetela per 50' e salatela alla fine.
Scolatela e lasciatela raffreddare.

Frullate olio, limone, basilico, pepe, sale e capperi.
Tagliate i pomodorini in quattro.
Sbucciate il cetriolo tagliatelo per la lunghezza, eliminate i semi e affettatelo finemente.
Condite roveja, cetriolo e pomodorini con il condimento preparato.

lunedì 25 luglio 2016

focaccine di patate in padella

Mi sono fatta rimproverare dalle amiche per le troppe ricette light.
Ho smesso.
Non lo faccio più.
Promesso....
Anzi no, la promessa non posso mantenerla perché cucinare sano e leggero mi piace, dieta o non dieta però, qualche ricettina sfiziosa, non proprio light, con oggi ricomincio a postarla.
Ispirata da una ricetta che qualche giorno fa ha pubblicato la mia amica Cinzia e che trovate qui, ho voluto provare a preparare un pane veloce, senza lievitazione e senza dover utilizzare il forno, cosa che, con questo caldo può tornare utile.
Le patate le ho cotte al microonde.
Ce l'ho da vent'anni e l'ho sempre utilizzato solo per scaldare e scongelare.
Cuocerci le patate è stata una svolta!
Le focaccine potete condirle prima o dopo la cottura.
Potete cambiare tipo di farina, potete aromatizzare l'impasto, cambiare il ripieno, potete preparare un'unica focaccia grande....
Insomma fate come preferite ma fatele, sono soffici, facilissime e buonissime!



Per 32 focaccine singole o 16 focaccine doppie ripiene:
300 g di patate
300 g di farina 0
1/2 bustina di lievito per torte salate
80-100 g circa di acqua
3 cucchiai di olio e.v.o.
sale

Per il ripieno:
300 g di cipolle rosse
2 cucchiai di olio e.v.o.
qualche rametto di timo
sale, pepe nero
caciocavallo grattugiato

Sbucciate e affettate finemente le cipolle. Fatele stufare a fuoco basso con un pizzico di sale.
Ogni tanto aggiungete un po' d'acqua. 
Alla fine pepate e profumate col timo.
Mentre le cipolle cuociono lavate le patate. Sceglietele della stessa dimensione.
Bucate la buccia con i rebbi della forchetta o con uno stecchino (per evitare che le patate "esplodano" nel microonde) e infornatele alla massima potenza per circa 8' girandole di tanto in tanto.
Lasciatele riposare un minuto poi sbucciatele e passatele allo schiacciapatate.
Impastate la farina setacciata con il lievito, il sale, l'olio, le patate e poca acqua alla volta fino ad ottenere un panetto morbido.
Stendetelo col mattarello a 3-4  mm su una superficie infarinata e ricavate tanti cerchi da 6 cm con un coppapasta o un bicchiere.
Scaldate una padella e cuocete le focaccine a fuoco moderato 3' circa per lato e poi conditele come fossero pizzette oppure farcitele a due a due, sigillando bene tutto intorno prima di cuocerle.






venerdì 22 luglio 2016

Happy diet: hamburger di calamaro

Lo confesso, Jamie Oliver mi sta simpatico.
E' un po' confusionario, a volte disordinato ma mi piace il suo modo di cucinare, veloce, semplice, con tanti aromi.
Questo hamburger è ispirato a delle polpettine che gli ho visto preparare.
Si differenziano solo per la modalità di cottura e la forma.
Chiaramente potete modificare gli aromi a vostro piacimento.



Per una persona:
1 calamaro (150 g netto)
un piccolo peperoncino fresco privato dei semi
un mazzetto di coriandolo fresco
3 g di zenzero
sale q.b.
un cucchiaio di olio

Pulite, spellate e sciacquate bene il calamaro.
Fatelo a pezzi e asciugatelo con cura con carta assorbente.
Inserite nel cutter tutti gli ingredienti e frullate fino a quando il tutto si sarà ben amalgamato.
Preparate due foglietti di carta forno e un anello coppapasta.
Ungeteli con l'olio.
Compattate il composto all'interno dell'anello posto su un foglio di carta forno.
Scaldate una padella.
Eliminate l'anello e trasferite l'hamburger con tutto il foglio nella padella. 
Coprite con coperchio.
Cuocete su fiamma media tre minuti per lato.
Trascorsi i primi tre minuti, coprite l'hamburger con l'altro foglietto oliato e aiutandovi col coperchio capovolgetelo.
Eliminate il foglietto che prima si trovava sotto e completate la cottura.
Togliete dal fuoco e lasciate riposare coperto un minuto.
Servite con una spruzzata di lime e con le zucchine a nastro marinate che ho postato qui, omettendo in questo caso la senape.
Chiaramente se non siete a dieta come me, gustatevi l'hamburger e le zucchine dentro ad un bel panino tondo morbido.

giovedì 21 luglio 2016

Happy diet: mango e "granita- crumble" al cioccolato

E' ghiacciato ma non è una granita, ha l'aspetto di un crumble ma non è fatto di farina, burro e zucchero....Come potrei chiamarlo?Vediamo se qualcuno di voi mi aiuta a dare un nome ad un composto ghiacciato di latte di mandorle, cacao, cioccolato fondente e zucchero.
Comunque si chiami è buonissimo, sano e secondo me nemmeno troppo calorico.
E' stata la mia trasgressione dopo un mese di dieta ferrea e 4 kg persi.
Che dite, un dolcetto me lo merito?





Per la "granita - crumble":
500 ml di latte di mandorle home made (ricetta qui)
20 g di cacao amaro
100 g di cioccolato fondente al 50%
50 g di zucchero di canna
un pizzico di sale
frutta a spezie a piacere (io ho usato mango e cardamomo)

Scaldate il latte di mandorle con lo zucchero e il pizzico di sale e mescolate fino a quando non si sarà sciolto.
Se usate latte di mandorle già pronto ricordatevi che è già zuccherato quindi regolatevi di conseguenza.
Setacciate il cacao e stemperatelo con il latte caldo, aggiungendolo poco alla volta.
Fondete il cioccolato a bagnomaria o al microonde e versateci sopra il latte al cacao mescolando bene.
Lasciate raffreddare e poi versate in un contenitore basso e largo e trasferite in congelatore.
Abbiate cura di mescolare ogni ora fino a quando non si sarà congelato in briciole.
Cuocete la frutta a pezzetti con un cucchiaino di acqua e le spezie che preferite a fuoco basso con coperchio per un paio di minuti. Giusto il tempo per renderla un po' morbida.
Lasciate raffreddare e trasferite il frigo.
Al momento di servire aggiungete la "granita" al cioccolato.

Abinamenti che proverò:
pere e cannella
pesche e menta
susine e vaniglia




mercoledì 20 luglio 2016

Happy diet: insalata di avena

Quest'anno ho scoperto che mi piace l'avena.
L'ho assaggiata per la prima volta a Identità Golose e tornata a casa ho subito voluto provarla.
Buonissima la versione "risottata" con crema di spinaci e labneh che vi ho proposto qui
Oggi, considerato il caldo che fa e la mia dieta, ho preferito una versione decisamente più fresca..
Spero vi piacerà!



Per una persona:
70 g di avena
un pomodoro san marzano
una carota
un cipollotto fresco
un mazzetto di prezzemolo
un cucchiaio di uva passa
un cucchiaio di olio e.v.o.
il succo di mezzo limone
sale

Cuocete l'avena per mezz'ora con abbondante acqua.
Scolatela e raffreddatela sotto il getto dell'acqua fredda.
Lasciatela scolare bene.
Fate rinvenire l'uva passa in acqua calda poi strizzatela.
Tritate il prezzemolo.
Affettate il cipollotto molto sottile.
riducete pomodoro e carota in dadini.
Battete olio, succo di limone e una presa di sale.
Riunite in una ciotola tutti gli ingredienti.
Mescolate bene, lasciate insaporire almeno mezz'ora e servite a temperatura ambiente.


martedì 19 luglio 2016

Happy diet: quinoa bianca e nera con funghi e basilico

La quinoa, buona sempre! Nelle minestre, fredda nelle insalate, "risottata"...
Questa volta ve la propongo saltata in padella con funghi e cipolla rossa e profumata al basilico.
Se anche a voi piace la quinoa date un'occhiata quiqui, qui,qui e qui.



Per una persona:
70 g di quinoa mista, bianca e nera
mezza cipolla rossa
4-5 funghi champignon
un cucchiaio di olio
un piccolo peperoncino
qualche foglia di basilico
sale

Sciacquate la quinoa e cuocetela in abbondante acqua salata.
Scolatela bene e tenete da parte.
In padella fate appassire con l'olio la cipolla affettata finemente poi aggiungete i funghi puliti e affettati, il peperoncino tritato e alzate la fiamma.
Cuocete i funghi un minuto a fuoco vivo poi aggiungete la quinoa, lasciate insaporire.
Servite con il basilico tritato.
Buona sia calda che a temperatura ambiente.

domenica 17 luglio 2016

Happy diet: budwig ciliegie e pistacchi

Della colazione ideale vi avevo già parlato qui.
Oggi, profittando delle ciliegie che abbondano ancora sul banco frutta, l'ho preparata in un'altra versione, altrettanto golosa e, confesso, ci ho pranzato!




100 g di ciliegie già snocciolate
un cucchiaio di pistacchi
un cucchiaio di avena
un cucchiaio e mezzo di semi di lino
un cucchiaino di miele (io non l'ho messo)
il succo di mezzo limone
uno yogurt magro da 125 g

Snocciolate le ciliegie e dividetele in due.
Bagnatele con il succo di limone.
Con un macinino, macinate finemente avena e semi di lino e versateli sul fondo di una ciotola o di un grosso bicchiere.
Aggiungete lo yogurt (mescolato al miele), le ciliegie, il succo rilasciato dalle ciliegie con il limone e completate con i pistacchi tritati grossolanamente.
Vi ricordo, se non avete letto altro sulla Budwig, che potete variare a vostro piacimento il tipo di frutta (fresca e secca) e di cereale (riso, orzo, farro....).
Lo yogurt (che potete alternare vaccino, di soia, di riso se lo trovate...), il succo di limone e i semi di lino sono ingredienti insostituibili.

sabato 16 luglio 2016

Happy diet: zuppa di calamari e cozze allo zafferano

E che zafferano!!
Ho una cara amica che da un anno a questa parte produce
zafferano.
Sono sincera, a parte quello delle bustine al supermercato (sia pure in stimmi), non ne avevo mai provati altri. La differenza c'è, eccome!!
Profumatissimo, ne basta poco per dare, sapore e colore intenso a qualunque pietanza.
Per la mia dieta allegra e colorata di oggi: calamari, cozze e fagiolini!



Per una persona:
500 g di cozze
un calamaro (150 g da pulire)
una ventina di fagiolini
uno scalogno
uno spicchio di aglio
un piccolo peperoncino
una foglia di alloro
una spruzzata di vino bianco 
Un grosso pomodoro da pelare
un cucchiaio di olio e.v.o.
sale
zafferano in stimmi

Affettate finemente lo scalogno, tritate il peperoncino, sbucciate l'aglio e schiacciatelo. 
Scaldate l'olio in una padella o nel wok e lasciateli appassire.
Aggiungete il pomodoro pelato e ridotto in piccoli pezzi, due bicchieri d'acqua, il vino, l'alloro e lasciate cuocere mezz'ora.
Nel frattempo riducete il calamaro in anelli sottili, fate aprire le cozze a fuoco vivo e lessate i fagiolini al dente.
Scaldate un dito d'acqua (deve essere molto calda) e lasciate lo zafferano (5 stimmi basteranno) in infusione per almeno mezz'ora.
Aggiungete il calamaro, fatelo cuocere 5', poi le cozze, i fagiolini e acqua con lo zafferano (schiacciate bene gli stimmi con un cucchiaino).
Lasciate insaporire un minuto e poi servite.
Se non siete a dieta con crostini di pane!!



venerdì 15 luglio 2016

Happy diet: insalata con avocado, cipolla rossa, cetriolo e pomodoro

Tanti colori, consistenze e gusti contrastanti.
A me è piaciuta da morire!!




Sbucciate e affettate finemente una cipolla rossa e copritela con aceto di mele. Lasciatela almeno mezz'ora, meglio di più.
Affettate un pomodoro. Eliminate i semi.
Sbucciate e affettate finemente un piccolo cetriolo.
Sbucciate e affettate mezzo avocado e bagnatelo col succo di mezzo lime.
Strizzate bene la cipolla.
Componete l'insalata aggiungendo un pizzico di sale e un filo di olio e.v.o.

giovedì 14 luglio 2016

Happy diet: riso Apollo con verdure

Nient'altro che riso e verdure ma che riso....
Ho scoperto che in Italia produciamo una varietà di riso che si chiama Apollo, che somiglia tanto al Basmati ma è made in Italy ed è buonissimo. 
Nulla da invidiare al "fratello" indiano.
Quindi se riuscite a trovarlo non esitate ad acquistarlo.
Io qui a Palermo l'ho trovato da "Negozio Leggero", fa parte di una catena di negozi in franchising presenti in varie città d'Italia, che vendono prodotti alla spina, dai legumi ai cereali, dal vino alle spezie, dai prodotti per la cura del corpo ai libri. 
Se ne avete uno nella vostra città vi consiglio di andare a sbirciare. 
Ne vale la pena.


Per una persona:
70 g di riso Apollo
una carota
una piccola zucchina
1/2 cipolla rossa
qualche pomodorino secco
un cucchiaio di olio e.v.o.
sale
un peperoncino piccante
menta
basilico

Sciacquate il riso come fareste per il Basmati.
Cuocetelo in abbondante acqua salata e poi scolatelo bene.
Affettate sottile la cipolla, tagliate zucchina e carote in piccoli pezzi, tritate finemente i pomodorini.
Lavate, asciugate bene e tritate menta e basilico.
In un wok scaldate l'olio, aggiungete la cipolla col peperoncino tritato e lasciatela stufare dolcemente.
Quando è morbida aggiungete carote, zucchine e pomodorini e fateli saltare a fuoco vivo qualche minuto mescolando spesso. Salate con moderazione.
Aggiungete il riso, mescolatelo bene sul fuoco con le verdure.
Completate con basilico e menta abbondanti e servite!
W il riso italiano!! =)



mercoledì 13 luglio 2016

Happy diet: spaghetti con crema di zucchine e pistacchi

Le zucchine abbondano nel mio frigo in questo periodo.
Oggi le riduciamo in crema per condire la pasta, un arrosto, una fetta di pane tostato....Fate voi!



Per una persona:
una grossa zucchina
un'acciuga sottolio 
5 olive verdi
un cucchiaio di olio e.v.o.
qualche pistacchio
pepe nero
menta fresca
70 g di spaghetti

Riducete la zucchina in dadini (se avete anche l'interno che vi è rimasto dall'insalata di nastri di zucchine marinate usatelo pure).
Fateli stufare a fuoco basso, con coperchio, in padella con l'olio in cui avrete sciolto l'acciuga.
Snocciolate le olive e dividetele in due e aggiungetele in padella.
Alla fine profumate con una decina di foglioline di menta e frullate bene il tutto.
Cuocete gli spaghetti al dente, scolateli, tenendo un po' d'acqua di cottura da parte.
Condite gli spaghetti con la crema di zucchine aggiungendo l'acqua necessaria affinché la pasta non si incolli ma rimanga cremosa.
Completate con i pistacchi tritati e una spolverata di pepe nero.

martedì 12 luglio 2016

Happy diet: nastri di zucchine marinate

Così buone che sono piaciute anche a mio marito che detesta le zucchine!



Per una persona:
2 zucchine
un cucchiaio di aceto di mele
un cucchiaio di salsa di soia
un cucchiaino di senape

Con un pelapatate o una mandolina riducete le zucchine in nastri.
Evitate la parte centrale piena di semi. Tenetela da parte per la crema di zucchine di cui a breve vi darò la ricetta.
In una ciotola mettete la senape con l'aceto e la salsa di soia. 
Aggiungete le zucchine, mescolate bene (meglio se con le mani) e lasciate marinare un'ora circa in luogo fresco.
Scolate l'eccesso di liquido (le zucchine avranno rilasciato anche un po' di acqua) prima di gustarle.
Non ho aggiunto sale perchè sono già abbastanza sapide grazie alla soia e alla senape.


lunedì 11 luglio 2016

Happy diet: melanzane ripiene

Dopo i gamberoni ho ricevuto in regalo un cesto pieno di meraviglie dell'orto: zucchine, peperoni, melanzane, rosmarino, salvia e menta freschi... Una goduria per gli occhi e per la gola!
Oggi ho cominciato con melanzane e zucchine.
Con le zucchine ho preparato una meravigliosa salsa e un contorno molto semplice ma gustosissimo, ricette che vi proporrò nei prossimi giorni.
Le melanzane invece le ho riempite con macinato di vitello delicatamente speziato ed è questa la ricetta di oggi!



Per una persona:
Una melanzana lunga (la mia era bianca)
uno spicchio di aglio
pepe nero
150 g di macinato di vitello
una piccola cipolla dorata
1 grosso pomodoro tondo da pelare
un cucchiaio di olio e.v.o.
un cucchiaino di paprica dolce
un pizzico di zenzero in polvere
un pizzico di cumino in polvere
i semi di due bacche di cardamomo
un paio di foglie di curry (se le trovate)
sale
qualche fogliolina di coriandolo fresco

Pelate il pomodoro, tagliatelo in due, eliminate i semi e riducetelo in piccoli pezzi.
Fate scaldare nel wok l'olio, aggiungete la cipolla finemente affettata e le spezie.
Lasciate stufare a fuoco lento fino a quando la cipolla non si è ammorbidita.
Mettete da parte.
Aumentate la fiamma e rosolate qualche minuto a fuoco vivo la carne macinata.
Quando sarà leggermente dorata aggiungete la cipolla, il pomodoro e mezzo bicchiere d'acqua.
Lasciate cuocere a fuoco lento per un'ora circa con coperchio, controllando di tanto in tanto se asciuga troppo nel qual caso aggiungete poca acqua.
Accendete il forno a 200°.
Lavate la melanzana, tagliatela in due nel senso della lunghezza e praticate nella polpa dei tagli profondi..
Mettete la melanzana su un foglio di alluminio, pepate la melanzana e aggiungete lo spicchio di aglio schiacciato.
Chiudete il foglio di alluminio a cartoccio e infornatela per 20'-25'.
Tiratele fuori dal forno, aprite il cartoccio, eliminate l'aglio e svuotatele lasciando un cm di polpa.
Tritate la polpa e aggiungetela alla carne.
Dopo circa 50' togliete il coperchio e completate la cottura a fuoco vivo per far si che i liquidi in eccesso evaporino.
Salate e lasciate insaporire sul fuoco ancora un paio di minuti.
Riempite le mezze melanzane con la carne e, poco prima di servire infornate in forno caldo per 10'.
Servite con qualche fogliolina di coriandolo.
Potete prepararle in anticipo e infornarle all'ultimo momento.
Io le ho mangiate a temperatura ambiente ed erano buonissime!! 

domenica 10 luglio 2016

Happy diet: spaghetti di zucca e zucchine con gamberoni

Gamberoni in regalo!! Ci può essere sorpresa più bella?  =)


Per una persona:
una grossa zucchina
150 g di zucca
6 gamberoni
un pezzetto di zenzero fresco
2 cucchiai di salsa di soia
uno spicchio di aglio
un cucchiaio di olio e.v.o.

Spaghettizzate zucca e zucchina con l'apposito attrezzo oppure riduceteli a filini con la grattugia a fori grossi.
Nel wok scaldate l'olio, aggiungete lo spicchio d'aglio schiacciato in camicia, lo zenzero grattugiato.
Fate saltare i gamberoni sgusciati a fuoco vivo per un paio di minuti e poi mettete da parte. 
Cuocete gli spaghetti di verdure un paio di minuti con la salsa di soia a fuoco basso mescolando spesso. Devono ammorbidirsi appena. 
Aggiungete i gamberoni e lasciate insaporire un minuto, non di più.

sabato 9 luglio 2016

Hapy diet: fregola con melanzane e capperi

Si è capito che la fregola mi piace tanto vero?
Poi con melanzane, capperi, menta e limone......Troppo buona!!!
Mi sa che questo piatto lo proporrò spesso durante l'estate!



Per una persona:
70 g di fregola sarda
mezza melanzana tonda di medie dimensioni
un mazzetto di menta
un cucchiaio colmo di capperi sotto sale
olio e.v.o., sale, pepe nero
la buccia grattugiata di mezzo limone

Mettete i capperi in acqua almeno mezz'ora prima, strizzateli e cambiate l'acqua tre/quattro volte.
Affettate la melanzana e affettatela non troppo spessa.
Grigliate le fette sulla piastra o cuocetele al forno se dovete prepararne in quantità.
Lavate una decina di foglie di menta e asciugatele. 
Trasferite sul tagliere le melanzane cotte, i capperi strizzati e la menta e tritateli al coltello. 
Metteteli in una ciotola e conditeli con un cucchiaino di olio e una macinata di pepe.
Cuocete la fregola, scolatela e raffreddatela sotto il getto dell'acqua fredda.
Scolatela, asciugatela, conditela con un cucchiaio d'olio e un pizzico di sale.
Condite la fregola con le melanzane e completate con il limone.

venerdì 8 luglio 2016

Happy diet: crocchette di ceci e zucchine con salsa allo yogurt

Creare una ricetta con quello che si ha a casa non sempre dà i risultati sperati.
A volte il riciclo soddisfa per il solo fatto in sé (svuotare parte di frigo senza passare dalla pattumiera è già di per sé una grande soddisfazione), altre volte, come oggi, entusiasma.
Il barattolo di ceci già aperto in frigo, le zucchine in eccesso, le spezie e lo yogurt che non mancano mai mi hanno regalato un pranzetto inaspettato e delizioso (e come sempre velocissimo) che vi consiglio vivamente di provare!



Per una persona:
200 g di ceci già cotti
200 g di zucchina
un piccolo cipollotto fresco
10 foglie di basilico
mezzo peperoncino verde dolce
un cucchiaio di farina di riso
sale, pepe nero
olio e.v.o. per ungere la padella
1/2 vasetto di yogurt magro
un cucchiaio di succo lime

Condite lo yogurt con poco sale, il succo del lime, la parte verde del cipollotto finemente tritata e un pizzico di pepe nero.
Tenete in frigo.
Sciacquate bene i ceci e scolateli (se non li avete cotti voi).
Frullateli.
Grattugiate la zucchina con una grattugia a fori grossi. Salatela e lasciatela spurgare mezz'ora. Strizzatela. 
Tritate finemente al coltello le foglie di basilico, il peperoncino e la parte bianca del cipollotto.
In una ciotola riunite ceci, zucchina, aromi e farina. Salate. Impastate bene e con le mani formate delle crocchette.
Scaldate una padella leggermente unta con olio e cuocete le crocchette 2'-3' per lato facendo attenzione nel girarle perché da calde sono piuttosto delicate.
Trasferitele, con l'aiuto di una paletta, su un piatto piano, lasciatele intiepidire e servitele con la salsa allo yogurt.

giovedì 7 luglio 2016

Happy diet: involtino di pollo e biete

Basta solo un po' di senape in grani e una forma diversa per trasformare la tristissima fettina di pollo con verdure al vapore in un piatto appetitoso!



Per una persona:
una fetta di petto di pollo ben battuta (150 g)
un mazzo di biete
un cucchiaino colo di senape à l'ancienne (quella con i semi dentro)
sale, pepe, olio e.v.o.

Cuocete le biete al vapore o con pochissima acqua.
Strizzatele bene.
Allargate la fetta di pollo sul tagliere, salatela e insaporitela con la senape.
Mettete le verdure cotte al centro della fetta di pollo e arrotolate.
legate il vostro "salsicciotto" con lo spago da cucina e rosolatelo con un cucchiaio di olio, a fuoco vivo per un paio di minuti, girandolo in modo che prenda colore da tutti i lati.
Abbassate la fiamma, salate e pepate leggermente e cuocete per 5' col coperchio a fuoco bassissimo.
Tagliatelo a fette alte un dito e gustatelo con l'insalata  di carote che vi ho proposto ieri!

mercoledì 6 luglio 2016

Happy diet: insalata di carote multicolor

Nient'altro che nastri di carote. Ma che carote!!!!
Gialle, viola e arancio per rallegrare anche la più triste delle fettine.
Conditele con olio, sale, succo di limone e le foglioline del ciuffo quando le trovate fresche e bio.




martedì 5 luglio 2016

Happy diet: nidi di spaghetti di riso con verdurine croccanti e salsa agra di cipolle rosse

Questo è stato il regalo che mi sono fatta per il pranzo della domenica. Pranzo superlight ovviamente!!
I nidi potete prepararli anche in anticipo e conservarli in una scatola a chiusura ermetica.
Lo stesso per le verdurine e per la salsa.
Poi, al momento di servire, passate i nidi in forno, conditeli con le verdurine e completate con la salsa.



Per una persona (6 nidi):
60 g di spaghetti di riso
50 g di peperone giallo
130 g di zucchina
100 g di zucca
un cucchiaio di olio e.v.o.
sale, pepe
120 g di cipolla rossa
qualche foglia di basilico
un cucchiaino di aceto di vino bianco

Mettete gli spaghetti di riso (io li spezzo in due-tre parti) in una ciotola e copriteli con acqua bollente.
Lasciateli gonfiare per 3' poi scolateli e raffreddateli sotto il getto dell'acqua fredda.
Asciugateli bene poi divideteli in 6 porzioni con le quali rivestirete fondo e pareti di 6 stampini da muffins antiaderenti.
Infornateli per circa 20' in forno caldo a 200° fino a quando saranno asciutti e croccanti.
Lasciateli raffreddare ed estraeteli delicatamente dagli stampi.
Saltate velocemente peperone, zucchina e zucca in piccoli dadini con l'olio, preferibilmente in un wok.
Salate, pepate e tenete da parte.
Cuocete a lungo la cipolla affettata finemente con poca acqua. Quando si sarà ammorbidita frullatela con il basilico, l'aceto e un pizzico di sale. Lasciatela raffreddare.
Riempite i nidi con le verdure e poco prima di servire completate con la salsa di cipolla.

lunedì 4 luglio 2016

Happy diet: sorgo con rucola e cantalupo

Freschissimo sorgo (ve lo ricordate? Ve ne avevo parlato Qui) con rucola, cantalupo e una piacevolissima nota speziata, il pepe lungo del Bengala.
Se riuscite a trovarlo (anche on line) acquistatelo. E' straordinariamente buono!!! Più delicato del pepe nero e con una dolce nota di cannella.


Per una persona:
70 g di sorgo
un mazzetto di rucola
1/4 di cantalupo
sale
un cucchiaio di olio
il succo di mezzo lime
un cucchiaino di aceto di mele
una grattata di pepe lungo del Bengala

Cuocete il sorgo per circa 20'. Scolatelo e lasciatelo raffreddare sotto l'acqua fredda. Asciugatelo per bene.
Lavate e tritate la rucola.
ricavate dalla polpa del cantalupo tante palline con l'atrezzino apposito, se lo avete oppure tagliatelo a dadini.
in una picola ciotola emulsionate, olio, aceto, succo del lime e pepe.
Condite il sorgo aggiungendo rucola e cantalupo. 
Lasciatelo insaporire mezz'ora prima di gustarlo.

domenica 3 luglio 2016

Happy diet: sgombro e cetrioli con zenzero e lime

Niente di più semplice e veloce per la proposta light del giorno!



Bollite lo sgombro intero i acqua salata con una foglia di alloro.
Pulitelo bene, riducetelo a pezzi.
Sbucciate e affettate un cetriolo.
Preparate un emulsione con un cucchiaio di olio e.v.o., il succo di mezzo lime, un pizzico di sale e un pezzetto di zenzero grattugiato.
Condite la vostra insalata. Completate con una spolverata di pepe nero.
Potete preparare la vostra insalata in anticipo e tenerla in frigo. Sarà  di sicuro più gustosa.
Ricordatevi però di riportarla a temperatura ambiente per gustarla al meglio.

sabato 2 luglio 2016

Happy diet: insalata di fagioli

Mi raccomando! Non smettete di mangiare legumi quando arriva il caldo. Sono buonissimi anche freddi! 
Oggi vi propongo una fresca e gustosa insalata estiva per mangiare legumi anche in estate. Ma se volete altre idee date un'occhiata  quiqui e qui.



Per una persona:
100 g di fagioli secchi
una costa di sedano
1/ cetriolo
6 di pomodori ciliegini
un cucchiaio di olio
sale
10 foglie di menta fresca
qualche goccia di tabasco

La sera prima mettete i fagioli in ammollo.
La mattina cuocete i fagioli con il sedano ridotto a pezzetti.
scolateli bene e lasciateli raffreddare. 
In questo periodo potete usare anche quelli freschi che non necessitano ovviamente di ammollo.
Sbucciate il cetriolo, tagliatelo a metà per la lunghezza, scavatelo per eliminare i semi e tagliatelo a fettine.
Lavate e tagliate a metà i pomodorini.
Lavate la menta.
Riunite tutti gli ingredienti in una ciotola e condite con olio, sale e tabasco.
Completate con le foglie di menta spezzate.

venerdì 1 luglio 2016

Happy diet: insalata di fregola con pesto di rucola, zucchine e pomodorini secchi

La fregola sarda (soprattutto quella più piccola) è un'ottima alternativa al cous cous. Mi piace la sua consistenza e si presta a preparazioni sia asciutte che in brodo, calde o fredde.
Oggi ve la propongo di verde vestita!



Per una persona:
70 g di fregola sarda
due mazzetti di rucola
mezza zucchina
qualche pomodorino secco
un cucchiaio di olio
sale e pepe nero

Cuocete la fregola in abbondante acqua salata.
Scolatela ma conservate un mestolo di acqua di cottura, sciacquatela sotto il getto del rubinetto e lasciatela scolare bene.
Lavate la rucola e frullatela con l'olio, l'acqua di cottura della fregola (aggiungetela poco alla volta fino a quando otterrete la densità desiderata) e salate leggermente.
Grattugiate la zucchina con una grattugia a fori grossi e lasciatela spurgare per mezz'ora. Poi strizzatela e tenetela da parte.
Tritate i pomodorini.
Condite la fregola con il pesto di rucola, la zucchina e i pomodorini. Mescolate bene e se vi va pepate.
Conservate in frigo fino al momento di servire.